Nel 2009 siamo stati tra i primi a credere nei tour virtuali come un prezioso strumento di valorizzazione e promozione per i beni culturali italiani.

Prima che progetti come quello del Quirinale o dei Musei Capitolini facessero parlare di sé, ce ne andavamo in giro per musei e palazzi storici con macchine fotografiche, cavalletti e teste panoramiche a scattare centinaia di foto, che post-producevamo in studio e integravamo con informazioni e integrazioni video e audio.

I nostri virtual tour sono più che un semplice strumento di esplorazione digitale di spazi pubblici, piuttosto sono dei veri e propri format didattici. Non ci credete? Vedetene qualcuno:

Castello Svevo di BariMARTA di Taranto.